Home Precedente Chi siamo Folk Bulletin Avvertenze! Novità!

Accordion tribe

 

 

Home
Precedente
Tradizioni
Argomenti
Schede musicali
Appuntamenti
Link
Northern traditions

 

Questa  recensione è pubblicata per gentile concessione della rivista   

“Folk Bulletin: musica, danza, tradizione” (per ogni utilizzo di questi materiali contattarla preventivamente)

 

 

“Lunghorn Twist”

     ACCORDION TRIBE

Intuition – 3389 2 2006

Musica per fisarmonica

Normale che buona parte di quanto riguardi la fisarmonica passi tra le mie mani use a scorrere su bottoni e tasti collegati tra loro da un mantice. Normale che mi appassioni per tutto ciò che dalla tradizione, e non solo, l’inventiva di un fisarmonicista sappia far scaturire: nuovi linguaggi, nuove armonie, nuove sonorità.

Immaginatevi un gruppo, una “tribù” di grandi interpreti e innovatori degli strumenti cromatici a mantice. Una tribù che si riunisce da paesi, da luoghi mentali e fisici diversi, con esperienze, tecniche e timbriche che si incrociano in un gioco caleidoscopico. Immaginatevi la mia, la vostra voglia di ascoltare e distinguere le varie personalità musicali e i vari incontri sul filo del pentagramma. Ma per capire bisogna conoscere.

Accordion Tribe sono cinque fisarmonicisti nati da un progetto musicale del vulcano creativo Guy Klucevsek. Partiamo da lui.

Stati Uniti (ma origini slovacche), è stato ed è tuttora un esponente dell’avanguardia musicale che ha avuto innumerevoli incontri con jazzisti (Frisell, Braxton, Zorn,…) e compositori ( Lieti, Xenaxis,…) portando i bassi sciolti della fisarmonica dalla polka (destrutturata a modo suo) a Beethoven e Penderecki.

Finlandia. Chi non conosce le sonorità virtuose e mai superficiali di Maria Kalaniemi? Sonorità che partendo dalla tradizione folk nordica, con grande attenzione anche al mondo (sorprendentemente molto praticato a quelle latitudini) del tango, si sono in questi ultimi anni ispessite e arricchite dalla ricerca di strade nuove.

Austria. Otto Lechner, fisarmonicista e hammondista (no, non è uno strumento tradizionale nuovo, parlo dell’organo Hammond), non vedente dall’età di quindici anni, partecipa a numerosissimi progetti dedicati alla fisarmonica specialmente nell’ambito della musica d’avanguardia.

Svezia. Musicista eccentrico, Lars Hollmer è conosciuto in patria specialmente per la sua partecipazione a band e progetti di rock, a volte tendente al folk, progressivo.

Slovenia. Conosciuto attraverso i cd del gruppo Begnagrad, Bratko Bibic è un fisarmonicista di grande esperienza che ha collaborato con i Nimal e si è creato una propria band, The Medleys. Anche il suo sound è intriso di spunti innovativi.

Dunque cinque innovatori che hanno un solo terreno comune, a parte lo strumento, la passione creativa.

E Longhorn Twist , il loro terzo disco è veramente ricco di spunti creativi interessanti e di entusiasmanti preziosità. Tuttavia a volte sembra che le strade non si incrocino fino in fondo. Le individualità si riconoscono, già dalle composizioni, e sembra che la strada cercata si divida in tanti piccoli vicoli.

Accordion Tribe, insomma, mi affascina ma non sempre mi entusiasma. C’è molto, forse troppo, e non sempre l’abbondanza degli ingredienti si traduce subito in un cocktail perfetto. Da godere a piccoli sorsi.

 

 

 TIZIANO MENDUTO

 

 

                                  

Intuition/ Hoedown Arts

info@intuition-music.com

www.intuition-music.com