Home Precedente Chi siamo Folk Bulletin Avvertenze! Novità!

Hoven Droven

 

 

Home
Precedente
Tradizioni
Argomenti
Schede musicali
Appuntamenti
Link
Northern traditions

Questa  recensione è pubblicata per gentile concessione della rivista   

“Folk Bulletin: musica, danza, tradizione” (per ogni utilizzo di questi materiali contattarla preventivamente)

 

   

“GROV”

     Hoven Droven

Xource Records – XOUCD 114 1996

Folk Progressivo, SVEZIA

 

 

Anche in questo caso siamo di fronte a recensioni di antiquariato. Ben cinque anni ci separano dalla pubblicazione di questo CD.

Perchè recensirlo ora? Perchè parlarne?

Forse la risposta sta nella particolarità della loro musica. Una musica di tendenza che è alla base di successivi fenomeni della scena del revival svedese. Una musica che fa a pugni. A pugni con l’idea sognante che della musica svedese ci è giunta dai sognatori francesi (vedi Yvert e annessi Näcken). A pugni con la dolcezza di certi gruppi e di certi strumenti. A pugni con l’idea di una musica solitaria per depressi. Una musica che fa a pugni, proprio. Una musica che, come ci racconta la foto del retro della copertina, può servire quasi più a pogare che a ballare. Tutto questo malgrado che il disco non sia altro che una raccolta di polske, march, valzer e schottish.

Ma chi sono gli Hoven Droven?

In questo disco sono un sestetto variegato di musicisti (trombe, flauti, chitarre, batterie, violini, bassi, sax,....) che arrivano da un centro della Svezia, fantasticamente popolato da lupi, troll e zanzare, con un sound heavy-folk che per alcuni aspetti li fa assomigliare alle musiche più rudi dei nostri Lou Dalfin. Con la differenza che le rudezze, le asperità non sono create con l’accellerazione delle danze, ma con arrangiamenti carichi di tensione e timbriche che spaziano dal rock heavy ad accenni jazzistici.

Un disco da consigliare?

In realtà il mio amore per il Nord Europa è partito proprio dagl’aspetti sognanti e dimessi di molte melodie... Poi sono arrivati gli Hedningarna, i Gamarna e tanti altri... Mai però con un sound così stranamente heavy...

Sicuramente un disco da ascoltare. Da comprare e tenere come riferimento di una tendenza della musica svedese di oggi.

 

 

 

TIZIANO MENDUTO

 

 

                                   

Xource Records/MNW Records

Box 535 S- 18325 Täby

SWEDEN

xource@head.mnw.se