Home Precedente Chi siamo Folk Bulletin Avvertenze! Novità!

Musica svedese

 

 

Home
Precedente
Argomenti
Schede musicali
Recensioni
Appuntamenti
Link
Northern traditions

LA MUSICA TRADIZIONALE SVEDESE

 di  Henrik Norbeck 

L’articolo è tratto da un sito, ricco di foto, partiture e musiche, creato da Henrik Norbeck...

Traduzione dallo svedese di Elena Straudi

Revisione e aggiunte dalla versione inglese di Tiziano Menduto

  Introduzione

La musica tradizionale svedese é sicuramente una musica viva e c’è molta gente in tutta la Svezia che la suona. Chi suona musica tradizionale è chiamato spelman, plurale spelmän (dal verbo att spela che significa suonare).

Se si parla con qualcuno di lingua inglese di musica tradizionale è bene sapere che in inglese si chiama traditional music. Se la si chiama folk c'è il rischio che pensino che si intenda Bob Dylan o simili. Molti intenditori di musica usano adesso l'accezione traditionsmusik anche in svedese, onde evitare confusioni.

In molti luoghi della Svezia si tengono raduni di musicisti di musica tradizionale. In questi incontri i musicisti si incontrano e suonano insieme e la gente va ad ascoltare la musica, a ballare e a divertirsi. Alcuni raduni sono piccoli, mentre altri (per es. a Bingsjö nel Dalarna o a Rensäter nel Värmland) sono molto grandi, con migliaia di presenze. I raduni estivi si tengono di solito all’aperto. Nei raduni si possono ascoltare musicisti che suonano dal palco, per far danzare, ma anche musicisti che si incontrano a piccoli gruppi (in sessioni libere) per suonare e confrontarsi. Questi gruppi si chiamano buskspel (da busk, cespugli).

Nella maggior parte dei raduni vi é una visstuga (un locale), dove i cantanti si incontrano per cantare insieme delle canzoni e impararne gli uni dagli altri. Nella mia pagina dei links si possono trovare le date e i luoghi dei raduni e sui festival di musica tradizionale.

In molti luoghi della Svezia esistono anche fondazioni, associazioni, club per la musica tradizionale che organizzano concerti, serate di danza e di musica. Nella mia pagina dei links si possono anche trovare queste informazioni.

Molte melodie svedesi si chiamano, per esempio, Polska efter (secondo) Erik olsson. Ciò significa che la melodia viene da Erik Olsson, ma non necessariamente che egli l'abbia composta.

Tipi di melodie

La parola svedese utilizzata per indicare una melodia, un’aria è låt, plurale låtar.

La melodia più comune nella musica svedese è la polska. E' una melodia per la danza che si suona sul ritmo dei 3/4, ma diversamente da come si suona un valzer.

Altre danze tipiche sono il valzer (vals, valser), la polka (polka, polkor), la scottich (schottis, schottisar), hambo e mazurka (mazurka, mazurkor).

Sono anche usuali melodie sulle quali non si danza, per es. gånglåt (melodia di marcia), brudmarsch (marcia nuziale) e skänklåt ( melodia che il musicista era solito suonare quando voleva che la gente gli desse dei soldi come ringraziamento per la sua musica).

Ci sono molti tipi di polska in Svezia (ed anche in Norvegia e in Finlandia). La maggior parte si suona in una sorta di tempo in 3/4.

Ma che cosa è che differenzia una polska da un valzer? Intanto si suona più lenta del valzer... Ma la differenza più importante é relativa a quando (e come) vengono accentati i tempi. Un valzer ha tre tempi per battuta. Il primo é forte e ha un "senso di discesa" e gli altri due sono deboli e hanno un "senso di ascesa". Un tipico valzer suona così all'incirca "bum-bip-bip", che si può scrivere \,, \,, \,,

In una polska, invece, sono il primo e l'ultimo accento nella battuta ad essere forti e il secondo è debole e con un senso di ascesa, all'incirca "bum-bip-bum":

\,\ \,\ \,\

Il musicista batte solitamente il tempo col piede sui tempi 1 e 3.

In alcune zone della Svezia occidentale le polske sono chiamate springlek. In Norvegia, invece, si chiamano normalmente springar o pols.

I diversi tipi di polska sono:

Jämn polska  (polska regolare):

 Ogni tempo della battuta si può suddividere in due ottavi di uguale lunghezza. I tempi sono spesso divisi in sedicesimi. Quel tipo é diffuso nella Svezia occidentale, meridionale e in Finlandia.

Es. Polska secondo Pelle Forse, Östergtland    (vedi la partitura nel testo originale in svedese)

Questo tipo di polska si chiama anche slängpolska o sextondelpolska (polska in sedicesimi). In alcune zone sella Svezia occidentale e della Finlandia si suona la polska con uguale accento su tutti i tempi. In molte di queste polske si possono ancora dividere le battute in tre tempi, ma vi sono molte melodie in cui ciò non é possibile. La melodia qui sopra per es. ha una battuta di 4/4 inserita nel mezzo.

Ojämn polska (polska irregolare):

I tempi possono essere suddivisi in tre terzine o in due note di diversa durata.

In alcune zone della Svezia queste polskor hanno così tante terzine che arrivano a chiamarsi triolpolskor (polske terzinate), ma la variante più diffusa ha più ottavi che terzine.

Questo tipo di polske viene scritta solitamente ad ottavi pieni o ad ottavi puntati + sedicesimi. Il ritmo ha quindi, comunque, più il senso della terzina.

Es.  Santa Luva. Polska di Nås, Dalarna. (vedi la partitura nel testo originale in svedese)

Questo tipo di polska si chiama anche åttondelspolska (polska ad ottavi) e si suona molto in Svezia e Norvegia.

Polska med kort etta (polska col primo tempo corto) :

Ora il ritmo si fa complicato.

Questa polska é parente dell'ojämn polska, ma il primo tempo é più corto e il secondo é più lungo. Il ritmo é un po' come il tempo di 2+4+3/8.

Questo tipo di polska é diffusa nella Svezia occidentale e in zone della Norvegia.

Es. Farmors brudpolska efter Grys Anders) (vedi la partitura nel testo originale in svedese)

Le polskor come questa sono solitamente scritte come se i tempi fossero lunghi uguali. Lo scriverli a terzine come ho fatto qui non é del tutto esatto, poiché non c'è nessun tempo regolare in tre a cui riferirsi. Ci sono solo tre tempi di diversi lunghezza (corto, lungo, medio). Scriverò un esempio in notazione in 4+3+2/8 quando avrò tempo.

 

Polska med lång etta (polska col primo tempo lungo) :

Questo ritmo é ancora più difficile da capire. Il primo tempo é allungato e il terzo é accorciato, un po' come 4+3+2/8. Solitamente il musicista batte col piede su tutti e tre i tempi. Anche questo tipo di polska é diffuso nella Svezia occidentale e in zone della Norvegia.

 

Strumenti

Il più comune é il violino (fiol). E' così diffuso che molti traducono spelman con violinista. Vi sono comunque altri strumenti. Molti suonano diversi tipi di fisarmonica (dragspel). Alcuni anche il clarinetto.

Uno strumento tipico della Svezia é la nyckelharpa (violino a chiavi), che é suonata con l'arco come un violino, ma ha una fila di chiavi (nycklar), che sono premute contro le corde invece di premerle direttamente con le dita. Ci sono diversi siti su Internet che ne parlano…

Nella musica tradizionale è utilizzato anche il flauto dolce (blockflØjt) , ma vi é anche un tipo di flauto più antico che si chiama spelpipa, spilåpipa o låtpipa.

Non é inusuale sentire anche il flauto traverso. In passato si suonavano flauti traversi in legno con sistemi di chiavi molto semplici, ma per qualche ragione questa tradizione si é spenta all'inizio di questo secolo.

Ora i flautisti usano flauti traversi in argento con sistema moderno di chiavi (del tipo Boehm). Un tipo di flauto molto speciale é il salgflöjt (sorta di flauto armonico, ndt), un flauto che non ha fori per le dita: è possibile cambiare nota coprendo il foro all'estremità e soffiando con diversa intensità.

La cornamusa svedese é una cornamusa ad ancia semplice.

Ale Möller ha scritto qualcosa in inglese su molti strumenti svedesi.

Suono del violino e accordatura

Il modo di usare l'arco é molto importante nel violino della musica tradizionale svedese.

E' l'arco che dà i giusti accenti al ritmo. (…)

E' importante accordare le corde del violino secondo l’accordatura necessaria (chiamata scordatura).

L'accordatura normale del violino, sol-re-la-mi, è molto comune. Un’altra accordatura diffusa é la-re-la-mi. In alcune zone della Svezia (sicuramente nell'ovest) quest’ultima accordatura è così diffusa che è considerata standard. Un'altra accordatura utilizzata é la-mi-la-mi, che va bene per le melodie in la. Un'accordatura molto speciale, invece, é la-mi-la-do# e viene chiamata näckastämning o trollstämning.

Alcune melodie usano effetti speciali come il pizzicato con la mano sinistra.

Fisarmonica

Il tipo più diffuso é forse quello a bottoni a cinque file.

Diffuse sono anche le fisarmoniche a tastiera.

Gli organetti a bottoni, che danno note diverse se si apre o si chiude (più o meno come un'armonica a bocca), si chiamano di solito durspel. Le durspel più comuni sono a due file o ad una fila sola.

Näcken

Si dice che molti suonatori abbiano imparato a suonare dal näcken. E' una creatura delle favole che abita nei torrenti. Chi ha imparato a suonare da lui può suonare in modo tale che nessuno possa smettere di ballare.

 

  Tradizioni al Nord: viaggio nelle tradizioni di Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia e Islanda