Home Precedente Chi siamo Folk Bulletin Avvertenze! Novità!

Kalaniemi & Alakotila

 

 

Home
Precedente
Tradizioni
Argomenti
Schede musicali
Appuntamenti
Link
Northern traditions

Questa  recensione è pubblicata per gentile concessione della rivista   

“Folk Bulletin: musica, danza, tradizione” (per ogni utilizzo di questi materiali contattarla preventivamente)

   

“AMBRA”

     Maria Kalaniemi & Timo Alakotila

Amigo – AMCD 749 -2001

Folk progressivo, FINLANDIA

 

“Ho fatto le cose per bene?”, mi sono chiesto mentre mi accingevo a recensire una delle ultime incisioni in duo di Timo Alakotila (con Karen Tweed). Come poter parlare di quest’ultimo disco se ai lettori non ho mai presentato l’attività di Alakotila con la più conosciuta Maria Kalaniemi? Come aggirarmi tra le note dei due dischi se non potevo permettermi confronti?

Maria Kalaniemi, un nome che evoca suoni e colori che non sempre hanno a che fare strettamente con le tradizioni finlandesi, suoni che in questo paese di confine tra culture diverse si arricchisce spesso di intensità e sfumature particolari. Maria Kalaniemi, la fisarmonica, il suo strumento. I viaggi attraverso la tradizione finlandese e nordica, all’interno di culture altre, nel mondo strano di una tradizione di tango “finlandese” assai ricca e per niente scontata.

Il disco con Timo, pianista, non è assolutamente un caso. Maria e Timo suonano insieme da una dozzina d’anni condividendo non solo le esperienze della musica del gruppo Aldergaz, ma anche spesso composizioni e arrangiamenti. Il sodalizio è stretto come non mai, con uno stile che è maturato insieme sia nelle armonizzazioni che nelle melodie e nelle improvvisazioni. E non a caso si tratta dell’incontro di due strumenti che, come recita il libretto “sono capaci di suonare da soli o di accompagnare…”.

Cosa emerge di questo sodalizio nel CD?

Una musica che non ha sbavature e che è profondamente emozionante in molti momenti senza tuttavia cercare soluzioni profondamente innovative. E’ malinconica e forte nei valzer di tradizione musette francese. E’ imperiosa nelle melodie più vicine al tango. E’ sognante nelle composizioni (molto bella quella di Timo che dà titolo al disco). Delicata nello spazio lasciato alla tradizione dell’Ostrobothnia con polke e marcie nuziali.

Non è un disco superfluo, né eccessivo. Un disco di qualità che mostra quanto  sia valido l’accostamento tra i due strumenti, seppur sacrificando spesso della fisarmonica i bassi come tuttavia ormai succede in molte situazioni e tradizioni musicali.

 

 

Tiziano Menduto

 

 

 

AMIGO MUSIK AB, Box 4113, SE 102 62 Stockholm (Sweden)

www.bonnieramigo.com