Home Precedente Chi siamo Folk Bulletin Avvertenze! Novità!

Kennemark

 

 

Home
Precedente
Tradizioni
Argomenti
Schede musicali
Appuntamenti
Link
Northern traditions

 

“BÄSK”

Kennemark-Simonson-Kallman

XOURCE XOUCD 124

FOLK PROGRESSIVO/SVEZIA

Sono veramente incavolato nero (per non dire di peggio). Un disco simile non può che farti scontrare con la gretta e becera realtà del mercato discografico italiano, dove un’incisione del genere non avrebbe forse mai potuto vedere la luce. Qui, in Italia, un trio composto semplicemente da flauto, sassofono e violino per riproporre melodie del folklore nazionale andrebbe bene tutt’al più per i portici di qualche piazza, la domenica, o per qualche stazione della metropolitana. E i vigili gli farebbero subito una bella multa (nonostante l’approvazione del nuovo Regolamento nel Comune di Castelfranco Emilia, vedi FB n° 3/99...). Figuriamoci farne un disco!

In Svezia, invece, la musica folk è promossa e valorizzata al meglio, è davvero patrimonio nazionale. Hans Kennemark (violino, viola), Sten Kallman (sassofoni soprano e baritono, percussioni) e Jonas Simonson (flauti) sono delle glorie nazionali e nel tempo hanno fatto parte di tutti i gruppi più importanti della scena musicale del loro Paese (Groupa, Den Fule, Filarfolket, Simbi...). Riuniti sotto il titolo di un album (forse destinato a trasformarsi in un futuro progetto e nome del trio, vedi Frifot e Nordan), si fanno epigoni di uno stile specifico di casa Xource, teso a risvegliare gli spiriti degli strumenti a fiato dentro insolite combinazioni sonore e repertoriali (qui musiche originali e tradizionali del patrimonio violinistico, anche norvegese). Solo loro riescono a parlare un linguaggio così nuovo usando parole così vecchie e a costruire un album straordinario usando ingredienti semplicissimi. Perché sono veramente grandi musicisti. (A pensarci bene, forse non è il caso di essere così pessimisti per quanto riguarda l’Italia: anche da noi la scena folk è molto più vitale di qualche tempo fa. Purché si continui a prendere esempio.

Giovanni Pietro Scazzola

  

Questa  recensione è pubblicata per gentile concessione della rivista   

“Folk Bulletin: musica, danza, tradizione” (per ogni utilizzo di questi materiali contattarla preventivamente)