Home Precedente Chi siamo Folk Bulletin Avvertenze! Novità!

Musica in Norvegia

 

 

Home
Precedente
Argomenti
Schede musicali
Recensioni
Appuntamenti
Link
Northern traditions

La musica popolare in Norvegia

Traduzione dall’inglese di Elena Gozzer da un testo di KIRSTEN HAALAND...

 Visitate il sito originale!!! 

La Norvegia è un paese ricco di tradizioni musicali popolari. Quando si parla di musica popolare ci si riferisce generalmente alla musica tradizionale, anonima, tipica delle comunità rurali, una musica che resiste al passaggio del tempo e che è tuttora viva  e vegeta, nonostante non sia mai stata trascritta. La musica popolare è inoltre strettamente legata all’utilizzo di particolari strumenti musicali. In Norvegia  questo  tipo di musica viene considerato  tipicamente norvegese, ed è perciò guardato con grande interesse. Nel corso di questo secolo, molto si è discusso su quale    musica potesse fregiarsi di questo appellativo.Possiamo dire che l’area definita dal termine popolare si è gradatamente ampliata. La musica popolare norvegese può essere divisa in due categorie : strumentale e vocale.

Musica strumentale

Slattar  (slatt deriva dal  verbo sla che significa colpire o tamburellare) .E’ con questo nome che di solito viene chiamata la musica tipica  delle danze popolari norvegesi. La definizione si è ora  ampliata fino a comprendere anche danze più recenti, introdotte in Norvegia nella seconda metà dell’800. Si conoscono in Norvegia circa 300 brani musicali di questo tipo, tutti per vlolino dell’Hardanger.

Rammeslattar : si tratta di alcuni brani musicali per violino che in certe occasioni potevano indurre uno stato di trance nei suonatori e in chi li ascoltava  .

Lydarslattar : non tutta la musica che si suona è da ballo. Gli slattar suonati per essere ascoltati e non ballati vengono chiamati lydarslattar. E’ un tipo di musica più impegnativo di quella ballabile. L’iniziatore di questa tendenza fu Myllarguten, quando cominciò a dare concerti. Il più delle volte i miti, le leggende e le storie nascono intorno agli slattar (arie). Le arie prendono il loro nome dai musicisti che le composero, o da qualche aneddoto. Per esempio si dice che una volta, mentre Myllargutten suonava un lydarslattar, un  uomo fosse preso da un’agitazione tale da correre verso di lui e mordergli una spalla. Per questo quel brano si chiama Akslebeten. Tuttavia non tutte le storie sono vere, anche se sono plausibili. Molte trattano di troll, ninfe dei boschi, Nixies e Old Nick.

Danze

Le danze popolari norvegesi sono balli comunitari, di solito danze di coppia, anche se esistono alcune danze che si ballano da soli, per esempio quella di Halling. La Norvegia ha solo in minima parte quelle danze cerimoniali tipiche di altre culture.

Le melodie per danze possono suddividersi in due tipi : a due tempi e a tre tempi.

Il violino dell’Hardanger è di solito utilizzato per quattro principali tipi di danze : gangar, springar, danza di Halling e rull.

Springar

n    danza in ¾, la più popolare delle nostre antiche danze. Ogni regione ha la propria variante.

Gangar

n    danza norvegese in 6/8 o 2/4, un tempo solenne e tranquillo. Come lo springar e il rull,

 si balla di solito a coppie, ma può anche essere ballata da soli . Oggigiorno il gangar viene ballato soprattutto nello Setesdal e nel Telemark.

Hallling

Oltre ai soliti walzer, polche e mazurche, esiste una danza tipicamente norvegese che si chiama Halling . In questo ballo si possono  improvvisare  sia i passi che la musica.Il momento culminante arriva quando il ballerino salta tentando di scalciare il cappello che una ragazza tiene in cima a un bastone . E’ una danza in 2/4, si balla di solito da soli, ma può anche essere ballata in gruppo. Il nome viene da Hallingdal, dove  questa danza era particolarmente popolare.

Walzer, polche a mazurche non sono generalmente considerate musica popolare, anche se alcuni sostengono che in realtà  queste “gammeldans” lo siano . Sono danze tradizionali, ma non appartengono al repertorio delle danze popolari. Purtroppo nelle scuole norvegesi solo alcune lezioni vengono dedicate alle danze popolari, mentre le “gammeldans” occupano gran parte del’insegnamento. Per quanto mi riguarda non considero le “gammeldans” danze popolari. I ballerini di danze popolari stanno aumentando soprattutto tra i giovani.

Strumenti musicali

Questa parte contiene diversi sottoargomenti : il violino dell’Hardanger, differenze tra questo violino e un violino normale, .....

Il violino dell’Hardanger

Questo violino (Hardangerfele in norvegese) è lo strumento musicale nazionale, e lo strumento più utilizzato nella musica popolare. Deriva dal violino, si suona solo in Norvegia, soprattutto nelle zone centrali e occidentali del paese.

L’esemplare più antico risale al 1651. Quello che viene descritto nelle note successive è leggermente diverso, proprio come la musica popolare, che non  è mai uguale, ma cambia e si modifica.

Il violino dell’Hardanger di differenzia in  molti aspetti dal violino normale. La tavola è fatta in modo che il quadrilatero tra i fori   armonici sia posizionato un po’ più in alto che nei violini normali, e i fori sono molto più grandi. Il ponticello è meno arcuato, cosa che facilita il sollecitamento di più corde contemporaneamente. Il musicista suona quasi sempre due corde insieme, ne deriva uno stile a bordone tipico di questo strumento.

Il violino dell’Hardanger ha 4 o 5 corde di simpatia, che funzionano come corde di risonanza e sono di solito accordate nella tonalità della melodia da suonare. Il violino è generalmente decorato con motivi floreali, e la cassetta dei piroli termina con una testa di leone o di drago. La tastiera è più piatta e con decorazioni in madreperla.

Il violino dell’Hardanger venne inizialmente considerato uno strumento diabolico. Chi lo suonava poteva impazzire e perdere la testa.Quando  cominciò ad essere suonato  nelle cerimonie, ad esempio durante i matrimoni, la posizione sociale dei musicisti divenne più rispettabile.

Il violino dell’Hardanger può essere accordato in 29 maniere diverse. (vedi esempi nel testo originale)

Il musicista che più ha inluenzato il modo di suonare il violino dell’Hardanger è stato nel secolo scorso Torgeir Augundson, meglio conosciuto come Myllarguten. (…)

Il violino normale 

Questo è il  tipo di violino più usato   nella Norvegia orientale e settentrionale, dove il violino dell’Hardanger non  è molto diffuso. I brani sono normalmente suonati in 4/4, quindi in modo diverso rispetto al violino dell’Hardanger. Le due tradizioni musicali sono infatti rimaste distinte.

Nella storia    interpretativa di questo strumento non esiste un caposcuola, come fu Myllarguten per il violino dell’Hardanger, ci sono stati tuttavia alcuni musicisti che hanno esercitato una certa influenza, per sempio Loms-Jakup.

(…)

Scacciapensieri

E’ in uso da secoli. Lo scacciapensieri è uno dei pochissimi strumenti al mondo in grado di emettere note armoniche naturali in una scala sufficientemente ampia da consentire di comporre una melodia. La Norvegia è uno dei pochi paesi in cui questo strumento viene usato per suonare la melodia, negli altri viene utilizzato come ritmica.

Lo scacciapensieri veniva un tempo chiamata il violino del poveretto perché si diceva che veniva suonata da chi non poteva permettersi di comprare un violino.

E’ molto difficile inserirlo in un gruppo , perché è contemporaneamente uno strumento a fiato, a corde e a percussione. Si usa il fiato, la lingua, la corda è come una molla , e si colpisce la corda.

Bjorgulf Straume è uno dei più noti musicisti contemporanei.  (…)

Il dulcimer norvegese

Si tratta probabilmente del più antico strumento a corde ancora vivo nella tradizione popolare. Il dulcimer consiste in una cassa lunga e stretta senza manico, con una corda di melodia e diverse corde di accompagnamento che producono un’armonia fissa. Si suona con un plettro. La posizione dei tasti sui dulcimer antichi indica che la scala era diversa dalla scala temperata in uso nella musica europea. La tradizione di questo strumento  è rimasta ininterrottamente viva  solo nella regione di Valdres, ma è ora stata ripresa anche in altri luoghi.

Molti brani che ora si suonano con il violino dell’Hardanger erano originariamente per dulcimer.

 

I tamburi

 

L’unico strumento conosciuto dai Lapponi era il tamburo,che veniva  usato dagli sciamani nelle cerimonie religiose. Nel resto del paese questo strumento, che anticamente era stato adoperato per le marce nuziali, era scomparso. Il suo utilizzo si era infatti spostato verso il Mare del Nord, e solo adesso ci  stiamo riappropriando di questa tradizione tipicamente norvegese.

 

Il corno

 

Tra i più antichi strumenti popolari norvegesi troviamo il corno d’ariete, la lura (un tipo di tromba lignea) e  il piffero di salice. I primi due in origine non erano affatto strumenti musicali, ma richiami usati negli alpeggi di montagna. Con il loro suono potente spaventavano gli animali da preda e allo stesso tempo chiamavano a raccolta il bestiame. Per i  corni d’ariete si usavano le corna di questo animale, dopo averne rimosso il midollo. A volte si facevano dei buchi, come nei flauti.  

 

Tradizioni al Nord: viaggio nelle tradizioni di Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia e Islanda

Gozzer