Home Precedente Chi siamo Folk Bulletin Avvertenze! Novità!

KnutssonNorberg

 

 

Home
Precedente
Tradizioni
Argomenti
Schede musicali
Appuntamenti
Link
Northern traditions

 

Questa  recensione è pubblicata per gentile concessione della rivista   

“Folk Bulletin: musica, danza, tradizione” (per ogni utilizzo di questi materiali contattarla preventivamente)

   

“COW COW: NORRLAND II”

Jonas KNUTSSON e Johan NORBERG

ACT Music – 2005 – 9425-2

Folk-Jazz,  SVEZIA

 

 

Dopo il progetto Norrland, termine con il quale si definisce la parte settentrionale della Svezia, la chitarra di Jonas Knutsson e il sax di Johan Norberg tornano insieme per questo progetto musicale.

Il disco è bello: ben costruito con una giusta miscellanea di brani di composizione e tradizionali  - Jämtpelle e due polske Polska efter Jon-Marsen e Polska efter Gustav Persson  -  e con l’incontro felice e sempre più maturo tra elementi di tradizione e elementi del mondo jazz. Incontro che in Svezia non è assolutamente una novità. Coltivato già dagli anni ’60 da diversi gruppi arriva con Norrland II a esplorare tutto il “mondo di colori”  - sono gli stessi autori a dirlo – di questo territorio di confine. Un mondo, aggiungo io, di colori sfumati, di suoni rarefatti, di idee e sentimenti chiari giocati più sulle timbriche e sugli arrangiamenti che su pattern ritmici energici. Colori che ben si adattano al vastissimo territorio del Norrland generalmente associato all’immagine di laghi, fiumi, foreste, ma anche alla fatica di coloro che sono riusciti a viverci e a produrre.

Ma in questo territorio di lavoro, in questo incontro acustico di uno strumento a fiato ed uno a corde (anzi due, in qualche brano Knutsson suona anche il kantele) la ritmica non viene assolutamente a mancare.

Forse è per dire questo che la prima pagina dell’eccessivamente scarno libretto recita che nel 1686 le percussioni furono bandite dalla musica tradizionale svedese rimanendo solo nelle bande militari. Che per questo motivo gli strumenti e i musicisti tradizionali hanno dovuto trovare nel passato altre vie per esprimere oltre alla melodia anche l’aspetto ritmico delle melodie, delle danze suonate. Che questa data, il 1686, segnerebbe dunque una svolta nella musica tradizionale svedese.

E come la linea melodica, gli abbellimenti riescano, senza l’ausilio di pelli, a dare un grande supporto ritmico lo si può ascoltare specialmente nell’assolo al sax nella Polska efter Jon-Marsen.

Un ottimo disco che consiglio a coloro che amano il nord europa, i suoi territori sconfinati, la sua musicalità e che non vogliono fermarsi alle pur bellissime melodie delle sue polske.

  

Tiziano Menduto

 

Act Music

Postfach 140399

D-80453 München Germany

Egea Distribution

C.So Mazzini 12

12037 Saluzzo (CN)

www.egeagroup.com