Home Precedente Chi siamo Folk Bulletin Avvertenze! Novità!

Wimme

 

 

Home
Precedente
Tradizioni
Argomenti
Schede musicali
Appuntamenti
Link
Northern traditions

 

Questa  recensione è pubblicata per gentile concessione della rivista   

“Folk Bulletin: musica, danza, tradizione” (per ogni utilizzo di questi materiali contattarla preventivamente)

 

   

“Bàrru”

     Wimme

Rockadillo Records - ZENCD 2081 - 2003

Folk Progressivo, SAMI

  

“Gapmu”

     Wimme Saari

Rockadillo Records - ZENCD 2079- 2004

Folk Progressivo, SAMI

 

Innanzitutto prima di parlare di Wimme Saari è necessario accennare a chi siano i Sami. Il popolo Sami - che molti, con un termine che arriva da una parola antica finlandese, continuano a chiamare “lappone” – abita da circa duemila anni il nord europa occupando attualmente un territorio che comprende le aree più a nord di Finlandia, Norvegia, Svezia e una penisola del nord-ovest russo. Della ricca tradizione di questo popolo forse uno degli elementi più conosciuto è lo stile di canto chiamato yoik. Uno stile – non l’unico in questa ricca cultura – che risulta difficilmente definibile anche per le differenze stilistiche tra una zona e l’altra del mondo sami. Uno stile dove l’improvvisazione, la tessitura e la timbrica vocale, l’elemento spirituale più che narrativo, giocano un ruolo molto importante.

All’interno della cultura Sami Wimme è un po’ un personaggio particolare. Non solamente è un moderno interprete del yoik, ma è un interprete che sta cercando di trovare una nuova strada a questa forma di canto. Una strada che si adatti all’oggi e che pur mantenendo molti elementi della tradizione possa portare il yoik verso un mondo ancora più libero e improvvisativo. E, infatti, pur essendo Wimme un nativo della popolazione Sami che si trova in Finlandia, il suo approccio con la propria tradizione è diverso da quello di altri interpreti. Non è solo una trasmissione da generazione a generazione, come anticamente avveniva, ma è più uno studio su registrazioni del passato che Wimme ha avuto attraverso la collaborazione con la radio finlandese dai primi anni ‘80. Registrazioni, a volte, di suoi stessi parenti che mostravano un’eredità che stava per spegnersi, distrutta dalla modernità e dalle difficoltà..

Altra caratteristica, altra modernità nel lavoro di Wimme è l’uso di strumenti per arricchire le sonorità gutturali e animali spesso tipiche dei timbri del yoik. Matti Wallenius (strumenti a corde) e Jari Kokkonen (tastiere e ritmi) sono infatti il completamento del progetto “Wimme”.

Ma questa recensione ci permette di andare oltre l’esperienza del trio e di presentare due dischi differenti ma significativi nel lavoro di Wimme Saari. Intanto un disco in gruppo, “Bàrru”, il primo disco del trio a cui abbiamo accennato. Ricco di effetti e di elettronica applicata alla sua voce, questo disco arriva a risultati originali pur utilizzando ritmiche e pattern che lo avvicinano alla musica “popolare” ballabile (dove “popolare” nulla ha a che spartire con il termine tradizionale).

Il disco successivo “Gapmu”, invece, è il primo disco a solo di Wimme (e il suo quinto disco più in generale). E, personalmente, nel mio rapporto conflittuale con il mondo elettronico, un disco che preferisco al precedente. E’ un disco dedicato all’”istinto” (appunto “gapmu”) con soli e puri yoik, senza accompagnamento che non i suoni che normalmente accompagnano la vita quotidiana di un sami. Un disco che fornisce a Wimme il modo migliore di esplorare le sue tecniche vocali e presentarci il yoik per quello che è: una meditazione personale sulla vita di tutti i giorni.

 

 

TIZIANO MENDUTO

 

 

                                  

Rockadillo Records

Ilmarikatu 12 A 2,

33500 Tampere Finland

www.rockadillo.fi